Stampa
Categoria: Economia e finanza
Creato Lunedì, 01 Dicembre 2014

Graffiti - Foto Domenico SecondulfoSottili incrinature di Toni Iero (n°174)

Ci stiamo addentrando in un terreno (economico, sociale, istituzionale) nuovo, inesplorato e, forse, pericoloso

Diceva una canzone degli anni ’70: “dal basso puoi scoprire le sottili incrinature che non puoi studiare all’università”. È, in un certo senso, la situazione che stiamo vivendo in questo momento: mentre buona parte del mondo istituzionale continua a fingere (magari qualcuno lo crede anche …) che sia sufficiente aspettare l’arrivo di una mitica ripresa economica per ritornare a stare come prima, chi analizza con onestà intellettuale e libertà di giudizio il contesto economico non può che trarre considerazioni di ben altra natura.

Senza andare troppo indietro nel tempo, è ormai assodato che la cura imposta all’Italia dal governo tecnico presieduto da Mario Monti si sia rivelata disastrosa, non solo per i colpi assestati ai lavoratori (riduzione delle pensioni, aumento delle tasse a carico delle classi medie e basse, etc.), ma anche per quanto riguarda la stessa sostenibilità del debito pubblico italiano, il cui rapporto con il Pil è passato dal 116,4%1 di fine 2011 a 125,5% del marzo 2013 (quando questa inetta compagine governativa era ormai in procinto di andare a fare danni altrove).

Poco è cambiato con l’arrivo a palazzo Chigi di Letta il Nipote che, da buon democristiano, pensava che sarebbe stato meglio far nulla piuttosto che affrontare i problemi ormai incancreniti della società italiana: a fine 2013 il rapporto tra debito pubblico e Pil era salito al 127,9%!

Con l’arrivo di Renzi come primo ministro si è passati ad un’altra tattica. Poiché era necessario sgonfiare il “pericolo” 5 Stelle, l’allora sindaco di Firenze ha pensato bene di battere Grillo sul terreno della demagogia.

Ecco, quindi, il ripetersi di roboanti annunci di grandi riforme (una al mese!), la messa in naftalina della vecchia guardia ex comunista del Partito Democratico (non senza una certa coerenza, poiché questi soggetti si comportano proprio come delle mummie …) e un atteggiamento apparentemente ribelle nei confronti dei diktat europei. Al personaggio non manca un’ottima abilità dialettica, la battuta pronta e capacità comunicative non indifferenti. Ciò, combinato con qualche regalia elettorale, lo ha portato a cogliere un importante successo nella consultazione per il Parlamento europeo. In quell’occasione, il segretario del Pd ha fatto bene i conti, poiché ha puntato sulle belle speranze di un popolo ormai stordito da una condizione economica che l’Italia non ha mai sperimentato dal secondo dopoguerra: secondo i calcoli di un istituto di studi economici bolognese, Prometeia, risulterebbe che, nell’attuale crisi, l’economia italiana abbia subito un tracollo ben peggiore di quello avvenuto negli anni ’30 del secolo scorso (la Grande Depressione).

Vi è ormai un dato di fatto ben conosciuto che, però, non si può sostenere pubblicamente: la politica dell’austerity ha portato ad un peggioramento della sostenibilità del debito pubblico. E, cosa ben più importante, ha accentuato le spinte recessive portando alla chiusura migliaia di aziende (non solo piccole e medie, come comunemente si crede). Tra la primavera del 2008 e settembre 2014, gli occupati italiani sono diminuiti di un milione e ottantasettemila unità! Purtroppo l’avevamo previsto e siamo ben poco contenti di aver anticipato l’avverarsi di tale quadro.

Negli incontri cui mi capita di assistere, gli economisti ormai sostengono che non ha più senso fare i confronti con i dati antecedenti la crisi. Una maniera elegante per dire che il nostro sistema produttivo si è drasticamente impoverito in forma strutturale: la imprese chiuse non riapriranno, chi ha perso il lavoro non ne troverà tanto facilmente un altro e, per i giovani, si riapre l’orizzonte dell’emigrazione alla ricerca di opportunità lavorative che l’Italia è sempre meno in grado di offrire.

Ormai lo sa anche il governo: tentare di rispettare i parametri impostici da Bruxelles porterebbe il nostro Paese al definitivo collasso. Ecco il motivo delle febbrili trattative con la Commissione Europea, in cui Roma chiedeva la famosa “flessibilità”: in pratica, il permesso di derogare da quanto accettato dai governi italiani precedenti, come il pareggio di bilancio (rimandato al 2017) e la riduzione del peso del debito sul Pil (una delle clausole del Fiscal Compact). Rimane, un po’ come la classica foglia di fico, lo sbandierato rispetto del limite del deficit pubblico (3% del Pil). Eppure, è comunque una foglia di fico ancora troppo onerosa. Il governo italiano che, a differenza di quello francese, non ha il coraggio di difendere gli interessi nazionali, dovrebbe decidere di abbandonare anche il parametro cretino del 3%, poiché l’unica via di salvezza sarebbe utilizzare intelligentemente la spesa pubblica per sostenere la crescita economica, cercando di far aumentare la produzione e, in definitiva, gli occupati.

Adesso il governo è impegnato su fronti che ben poco hanno a che vedere con la crescita economica: riforma elettorale, riforma del Senato. Il problema del lavoro lo si sta affrontando dalla parte sbagliata: l’attacco a ciò che resta dell’articolo 18 dello statuto dei lavoratori risulta incomprensibile, poiché esso era già stato svuotato di contenuto da diversi provvedimenti dei governi precedenti. L’obiettivo di questa prova di forza è obbligare il movimento dei lavoratori ad ammainare anche la bandiera. Nuovamente, la retorica demagogica del presidente del consiglio (non ci devono essere lavoratori di serie A e di serie B) cerca di coprire (con un certo successo) il fatto che, per livellare le differenze, tutti i lavoratori diventeranno di serie B. Mentre si prosegue nella battaglia contro il lavoro, a giugno il rapporto tra debito pubblico e Pil è arrivato al 133,8%.

Tre anni fa, con la caduta del governo Berlusconi, qualcuno si era illuso che si riaprisse la possibilità di realizzare una sorta di riscatto nazionale. Invece, il Presidente della Repubblica ha preferito traghettare l’Italia sulla zattera predisposta dalla Germania. È arrivato il governo Monti che ha devastato l’economia nazionale con provvedimenti insensati. Dopo Monti è toccato al Partito Democratico governare il Paese. Tuttavia, gli esponenti di tale formazione politica si stanno dimostrando incapaci di dare una prospettiva futura al nostro sistema produttivo. Ciò sta portando anche ad un progressivo deterioramento del tessuto sociale. Tre anni fa vi potevano essere le condizioni per tentare, con tutte le difficoltà del caso, il rilancio dell’economia italiana attraverso una politica economica che, senza grandi traumi, potesse favorire lo sviluppo. Oggi, con tutta probabilità, è troppo tardi per percorrere tale strada.

È meglio non illudersi, non si tornerà a “come era prima”. Ci stiamo addentrando in un terreno (economico, sociale, istituzionale) nuovo, inesplorato, e su questo dovremo imparare a muoverci.

1 Dati ricalcolati secondo il nuovo sistema di contabilità nazionale ESA2010 che, tra l’altro, inglobano all’interno del prodotto interno lordo una stima del giro d’affari della criminalità

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Sottili incrinature di Toni Iero (n°174) - Cenerentola Info
Joomla theme by hostgator coupons

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso all’utilizzo, consulta questa pagina. Cliccando su "CHIUDI" ovvero proseguendo la navigazione sul sito si presta il consenso all’uso di tutti i cookie.