Stampa
Categoria: Economia e finanza
Creato Martedì, 01 Dicembre 2015

Russel Keynes Strachey 2La legge di stabilità, di Toni Iero (n°185)

Come è naturale, la legge di stabilità formulata dal governo italiano ha sollevato discussioni. Il provvedimento contiene numerose misure, alcune possono piacere, altre meno. Per dare un giudizio più ponderato sulla legge di stabilità del governo Renzi sembra opportuno inquadrarla all’interno del disegno più generale perseguito dall’esecutivo di Roma in ambito economico

. Ebbene, la strategia adottata dal governo per risollevare l’economia italiana dopo la lunga stagione recessiva, pare essere indirizzata all’aumento del reddito disponibile delle famiglie, in virtù del quale ci si attende un aumento dei consumi privati e, quindi, del prodotto interno lordo.

È la strada imboccata già lo scorso anno attraverso il bonus di 80 euro mensili concessi ai percettori di redditi sotto una determinata soglia.

Nella legge di stabilità, in particolare, si persegue l’aumento del reddito disponibile sia attraverso la riduzione del carico fiscale esistente (in particolare tramite l’abolizione della Tasi sulla prima casa, sui terreni agricoli e sui cosiddetti “imbullonati”), ma anche grazie alla rinuncia ad attivare provvedimenti fiscali (come l’aumento dell’Iva) previsti come clausole di garanzia. In buona parte, gli interventi di abbattimento del carico fiscale sarebbero finanziati da un parallelo incremento del deficit di bilancio (o, se si preferisce, da una riduzione dell’avanzo primario). È la famosa flessibilità, che tanto sta a cuore al nostro primo ministro, su cui è aperta la discussione con le autorità comunitarie di Bruxelles. Da notare come sul fronte europeo le cose si stiano mettendo “bene”. L’austerità potrebbe avere i giorni ormai contati: dopo gli attentati di Parigi, siamo in guerra e, davanti alla necessità di spendere per difendere il sacro suolo nazionale non c’è ragioniere in grado di tenere stretti i cordoni della borsa!

In effetti, la politica fiscale del governo Renzi si presenta come un intervento espansivo e ciò rappresenta una svolta, rispetto all’indirizzo perseguito dai governi italiani negli ultimi quattro anni. Semplificando: si tagliano le tasse senza coprirle con equivalenti riduzioni della spesa pubblica (la cosiddetta “spending review”, che avrebbe dovuto sottoporre ad una drastica dieta dimagrante la spesa pubblica, è stata ridotta a cinque miliardi e, comunque, sono tutti convinti che non si attuerà seriamente).

Con questo “deficit spending” il Matteo (Renzi) si è messo sulle orme di John (Maynard Keynes)? Beh, non proprio.

Il giovanotto fiorentino non sembra aver tenuto conto di almeno un paio di aspetti.

Vediamo il primo. L’aumento del reddito disponibile delle famiglie rappresenta un presupposto fondamentale per la riuscita del piano governativo. Uno dei capisaldi della legge finanziaria (nonché un buon viatico elettorale) è, senza dubbio, l’abolizione dell’imposta sulla prima casa. Cosa accadrà, in pratica: si restituirà un’imposta pagata in proporzione al valore catastale dell’abitazione principale. Quindi, chi possiede immobili di alto valore riceverà di più. Si tratta, con tutte le eccezioni del caso, di persone dotate di patrimoni (e redditi) elevati. Ossia una categoria di persone caratterizzata da una maggiore propensione al risparmio. Perciò, l’effetto sui consumi rischia di essere piuttosto modesto. Senza considerare il fatto che anche i nuclei meno ricchi, dato il contesto economico ancora negativo, potrebbero optare per risparmiare il (magro) reddito aggiuntivo ottenuto dalla riduzione di questo carico fiscale.

Vi è poi un secondo argomento da tenere in considerazione. Esaminiamo la dinamica economica del primo semestre di quest’anno: abbiamo visto che un piccolo progresso nella dinamica del PIL (primo semestre 2015: +0,4%, Istat contabilità nazionale, valori concatenati) si è riflesso in un forte incremento delle importazioni di merci e servizi, (+4,9%, Istat contabilità nazionale, valori concatenati). In termini di sole merci, si registra, sempre con riferimento al primo semestre del 20151 la situazione esposta nella tabella riportata in fondo a questa pagina. Si nota un forte incremento delle importazioni di beni di consumo (+8,5%). L’impennata delle importazioni di beni strumentali (+16,8%) è meno preoccupante, poiché implica la costruzione di nuova capacità produttiva, destinata in futuro a coprire il mercato interno o ad aumentare le esportazioni.

Definiamo i consumi C come somma tra Cn e Cm (rispettivamente consumi di beni e servizi prodotti internamente e consumi di beni e servizi importati):

C = Cn + Cm

E, parallelamente, scomponiamo le importazioni in:

M = Cm + Im

Dove Cm sono i beni e servizi importati per il consumo, Im sono i beni capitali, i prodotti intermedi e le materie prime.

Sostituiamo tali relazioni nell’equazione del prodotto interno lordo ( Y ):

Y = C + I + G +( X – M )

Dove:

I = investimenti

G = spesa pubblica per acquisti

X = esportazioni

Si ottiene:

Y = Cn + Cm + I + G +

( X – Cm – Im )

Elidendo Cm si giunge a:

Y = Cn + I + G + X – Im

È immediata la considerazione che l’effetto positivo sul PIL italiano è determinato, per quanto riguarda i consumi, solo dai consumi di beni prodotti all’interno (ossia in Italia).

Riassumendo: nelle condizioni date, un’azione espansiva finanziata in deficit che punti su un aumento del reddito disponibile della famiglie che, a sua volta, porti alla crescita dei consumi privati, sarà depotenziata sia da una robusta propensione al risparmio, sia da una dipendenza dall’estero particolarmente elevata proprio nei settori merceologici a maggiore crescita (auto, prodotti tecnologici, …). Il rischio è di creare indebitamento pubblico inutile o, per meglio dire, utile a sostenere le economie dei Paesi da cui importiamo!

Allora, aumentare il reddito disponibile delle famiglie, “sperando” in un incremento dei consumi privati e, specificatamente, in un incremento dei consumi privati di beni nazionali, appare una via aleatoria e poco efficace per stimolare la crescita del PIL. Se Keynes deve essere, se ne segua almeno la lezione: l’aumento del debito non dovrebbe essere destinato a tagliare le tasse, ma ad aumentare le spesa. L’impatto maggiore sul PIL in una situazione di stagnazione e deflazione si ottiene attraverso l’espansione della spesa pubblica, in particolare di quella diretta a finanziare gli investimenti pubblici!

tabella

 

 

1 Istat. Commercio estero. Tabella 3 - Esportazioni, importazioni e saldi della bilancia commerciale (milioni di euro) mondo.

 

 

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

La legge di stabilità, di Toni Iero (n°185) - Cenerentola Info
Joomla theme by hostgator coupons

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso all’utilizzo, consulta questa pagina. Cliccando su "CHIUDI" ovvero proseguendo la navigazione sul sito si presta il consenso all’uso di tutti i cookie.