Stampa
Categoria: Economia e finanza
Creato Lunedì, 01 Febbraio 2016
Maiale - Foto di Mario RebeschiniLa distruzione del risparmio, di Toni Iero (n°187

Può sembrare un controsenso, ma oggi nel mondo c’è troppo risparmio. È un’affermazione che colpisce, dato che la nostra tradizione ha sempre considerato la parsimonia come un valore.

Per comprendere le ragioni che fanno sì che un eccesso di risparmio costituisca un serio problema economico occorre pensare a come funziona il sistema capitalista dove, in definitiva, i profitti nascono dalla vendita dei prodotti e dei servizi ai consumatori finali.

Se le persone, invece di acquistare e consumare, risparmiano troppo, le vendite scendono (o non salgono come ci si aspetterebbe) e non si generano i profitti. Ecco che il sistema rischia di bloccarsi.

Vi sono diversi segnali di forte rallentamento dell’attività: dalla velocità di circolazione della moneta, scesa a livelli di minimo storico, alla caduta del Baltic Dry Index, un indice che registra l’ammontare della merce trasportata dalle marine mercantili. Lo stesso prezzo del petrolio, principale fonte di energia del pianeta, precipitato a meno di 30 dollari al barile, indica la presenza di qualcosa che non va per il verso giusto.

Tali segni di stasi sono ben rappresentati dalla modesta crescita economica della maggior parte dei Paesi del mondo e dalla dinamica dell’inflazione, praticamente azzerata.

Non c’è da stupirsi se, in queste condizioni, gli investimenti scendono: perché un imprenditore dovrebbe creare nuova capacità produttiva se poi non c’è domanda per le merci che produce?

La crescita del risparmio è invece guidata da due fattori principali: da una parte c’è l’ovvia preoccupazione per un futuro sempre più incerto, che stimola le famiglie di ogni ceto sociale a mettere “fieno in cascina” per i tempi difficili. Dall’altra pesa la forte concentrazione dei redditi che ha cambiato (e sta continuando a farlo) la faccia delle nostre società. I ricchi, com’è facile intuire, hanno una propensione al consumo (è il rapporto tra le spese per consumo e il reddito) minore della restante parte della popolazione. Per questo motivo, quando il reddito si concentra, aumenta anche la dimensione assoluta del risparmio.

Il problema è che, in un sistema economico sano, il risparmio servirebbe proprio a finanziare gli investimenti, anche attraverso l’intermediazione bancaria. Ma, abbiamo visto, il risparmio cresce e gli investimenti calano. Questo sbilanciamento sta creando squilibri molto pericolosi per il sistema economico e finanziario mondiale.

Tuttavia, gli strumenti che l’ideologia neoliberista mette a disposizione dei politici si sono dimostrati inutili per fronteggiare il problema. Anzi, la creazione di nuova massa monetaria (i vari quantitative easing delle banche centrali) gonfia la dimensione nominale del risparmio che, in virtù della condizione anemica dell’economia, viene impiegato solo in minima parte in investimenti produttivi, mentre la maggior parte tende a rifluire verso lidi speculativi (materie prime, titoli finanziari sintetici…).

Stiamo vivendo una fase storica in cui il risparmio è (dal punto di vista capitalista) inutile. Non c’è quindi da stupirsi se il suo rendimento (tassi di interesse) è in progressivo calo. Ma ciò, probabilmente, non sarà sufficiente a gestire gli squilibri esistenti.

Come può evolvere il quadro economico mondiale? Nel lungo periodo lo sbilancio tra il risparmio e gli investimenti è destinato ad essere colmato. Ciò può avvenire per effetto di una crescita di questi ultimi o di una diminuzione del primo (o di una combinazione tra queste due dinamiche).

Per far crescere gli investimenti bisognerebbe rispolverare le teorie keynesiane, ormai abbandonate e dileggiate dalla maggioranza degli economisti. Solo l’intervento dello Stato può sbloccare una situazione in cui i privati, basandosi su aspettative di breve termine, non possono trovare ragioni per investire. Non sarebbe certo difficile identificare settori in cui servono investimenti: dalla protezione del territorio, al risanamento ambientale, fino alla definitiva affermazione di fonti di energia meno inquinanti. Per non parlare di sanità, istruzione, ricerca scientifica, etc. Temo, però, sia lecito dubitare che si segua questa strada.

Allora, se non si saprà (vorrà) rilanciare gli investimenti, dovremmo aspettarci una diminuzione del risparmio.

L’andamento delle quotazioni dei titoli azionari nelle ultime settimane lascia intendere come la distruzione patrimoniale sia già cominciata. Le regole elaborate dall’Unione Europea sui salvataggi bancari, con la cancellazione del valore di azioni ed obbligazioni (nel caso in questione solo quelle subordinate) dei clienti di quattro piccole banche italiane, è un altro esempio di demolizione dei patrimoni. In sostanza, stando così le cose, sarebbero i mercati finanziari a portare ad un drastico ridimensionamento dello stock di risparmio.

Poi c’è sempre la guerra, che comporta la distruzione fisica dei patrimoni e, allo stesso tempo, l’aumento degli investimenti pubblici (per fabbricare le armi e pagare le spese belliche). È un’opzione cara alla destra (meglio attrezzata ad interpretare il contesto attuale) che, purtroppo, talvolta, non è disdegnata neanche dalla sinistra istituzionale.

Decisamente, il nuovo anno non si apre con delle belle prospettive!

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

La distruzione del risparmio, di Toni Iero (n°187) - Cenerentola Info
Joomla theme by hostgator coupons

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso all’utilizzo, consulta questa pagina. Cliccando su "CHIUDI" ovvero proseguendo la navigazione sul sito si presta il consenso all’uso di tutti i cookie.