Stampa
Categoria: Guerra
Creato Lunedì, 18 Ottobre 2004

Usa, spot su Nassirya, redazionale (n°44)

Apprendiamo dal "Manifesto" dell’11 ottobre che "la strage dei 19 carabinieri di Nassirya è diventata lo spot elettorale preferito da Bush nella sua campagna per le presidenziali. In TV gli Americani vedono l'esplosione e la disperazione dei militari italiani. Poi compare la scritta che dice pressapoco: ecco la prova che io, Bush, sono andato in guerra non da solo, ma con una coalizione che ha avuto i suoi morti".

"Davvero nessuno ha niente da dire – si chiede il Manifesto - che sui morti italiani si faccia propaganda elettorale negli USA?"

Pare di no.

Per parte nostra, invece, ci chiediamo: "E’ igienico, per gli Italiani, continuare a mostrare a tutto il mondo che il governo italiano è il miglior alleato di Bush?" Probabilmente no. Anche perchè i terroristi credono (o fingono di credere?) che la democrazia occidentale non sia una farsa, e non fanno differenza tra i popoli e i loro governanti.

"E’ il popolo americano che ha finanziato gli attacchi contro di noi – è scritto in un manifesto di al-Qaeda del novembre 2002 – esso controlla, attraverso i senatori che ha eletto, come vengono impiegate le tasse".

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Usa, spot su Nassirya, redazionale (n°44) - Cenerentola Info
Joomla theme by hostgator coupons

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso all’utilizzo, consulta questa pagina. Cliccando su "CHIUDI" ovvero proseguendo la navigazione sul sito si presta il consenso all’uso di tutti i cookie.