Stampa
Categoria: Letture parallele
Creato Martedì, 03 Giugno 2003

 

Ragazzine, occhio alla strada! Soprattutto durante i sorpassi,  di Luciano Nicolini (n°17)

Il mondo è ancora dei maschi adulti, ma la scuola non lo è più da un pezzo. Le prime a saperlo sono le mamme, naturalmente. Ma in Italia, dove il figlio maschio è pur sempre il figlio maschio, nessuno ha mai dato molta importanza alla cosa ("Quest’anno Sara ha preso una pagella bellissima! Come? Matteo? ... oh, se la cava anche lui ma... sai com’è, il maschio matura dopo...").

La verità è che mentre Sara sgobba, s’ingegna e qualche volta sgomita, Matteo scarica musica, gioca alla Playstation, pare svenuto sul divano, spende l’intera paghetta in creme antibrufoli; e ogni mattina, prima di uscire di casa - mentre Sara ripassa la lezione - controlla muscoli e capelli allo specchio. Il fenomeno, che da noi non s’è voluto tanto indagare (il maschietto, si sa, matura dopo... ma guardiamoci negli occhi, mamme, vi siete mai chieste quale sia, all’interno di una società dominata dai maschi adulti, il senso reale di questa affermazione?), in America è già classificato con linguaggio preciso e crudele. Si chiama "nuovo gap di genere", e riguarda i ragazzini di tutte le età: come mettono piede alla materna, il loro destino di "secondo sesso" pare irrimediabilmente segnato; di lì in poi, è tutto un rotolare, fino all’Università.

E’ "Business Week" a tradurre in percentuali ed esempi mortificanti ciò che più alla buona mamme, zie e insegnanti avevano notato. Nella High School di Long Island, per dire, sono tutte femmine le rappresentanti degli studenti, lo è la presidente dell’assemblea scolastica, così come il suo vice; è una ragazza il direttore del giornale, e lo è il capitano del team di matematica. Se negli Anni Settanta le università americane si sforzavano di diventare più "girl friendly", oggi accade che nel Midwest si istituiscano le quote per garantire pari opportunità d’accesso ai maschi. Si corre ai ripari sull’accesso, perché sul rendimento non c’è storia.


A sorpassare a cento all’ora strombazzando in curva sarebbero soprattutto le agguerritissime studentesse di origine ispanica o africana. Il che rende più evidente, e se vogliamo classista, la morale di tutta la faccenda: da sempre garantiti, abituati a dare per scontata la loro supremazia di genere, i maschi non si preoccupano troppo di competere; da sempre oppresse, consapevoli di doversi conquistare tutto e con fatica, le donne proletarie stanno diventando guerriere. Ciao, giovane femmina. Domani studia, non ti farà certo male. Non è il caso che pensi a me. Pensa piuttosto a non farti ingannare

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ragazzine, occhio alla strada di Luciano Nicolini (n°17) - Cenerentola Info
Joomla theme by hostgator coupons

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso all’utilizzo, consulta questa pagina. Cliccando su "CHIUDI" ovvero proseguendo la navigazione sul sito si presta il consenso all’uso di tutti i cookie.