Stampa
Categoria: Letture
Creato Lunedì, 15 Novembre 2004

Una notte diamante passeggiando, di Ruggero Lazzari (n°46)

Sto morendo

pian piano

goccia dopo goccia

sempre bloccato nello stesso paesaggio

nevrotica routine va libertà masticando

ti succhio e mi succhio l’anima

intristendo in una vita formica ogni giorno

Dimitrij Scivolaj

una notte, passeggiando

al Carpe Diem stavo solo piangendo

aghi di ghiaccio i pensieri d’un colpo

colori voci rumori sssssstick!

per sempre lo snock del polderpack iberna un depresso

Traspare Dimitrij stupito

aggrappato al pallido urlo ghiacciato

pur in quell’attimo sorrideva freezendo

pian piano

lama dopo lama

mi pattinavano sopra lo sguardo

tutte le cosce più belle del mondo

.....è proprio un peccato

tu che mi succhi

io che ti succhio l’inguine

godendo di una vita cicala ogni giorno

se solo avessi osato !

Dentro il più freddo inverno

Dimitrij Svivolaj

una notte, passeggiando

sulle mie stesse lacrime cristallo

la mia depressione nel Herengracht kanaal

finita in un lampo-ghiaccio

freezzzzzing !

Piroetta giovine pattinatrice gonnella rosso velluto

atterra in spaccata la mia faccia coprendo di schianto

strekzinkkk del polderpack che eccitato si va fessurando

sto morendo per sempre

pian piano

goccia dopo goccia

il suo pube ha colato il mio urlo quel giorno

così, Dimitrij è sparito per sempre nei flutti volando

"Amsterdam piange il Poeta

giovane patafisico russo in visita

morto

Dimitrij Svivolaj

ubriaco di lacrime

depresso

nel Herengracht kanaal

una notte diamante passeggiando"

 

 

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Una notte diamante passeggiando, di Ruggero Lazzari (n°46) - Cenerentola Info
Joomla theme by hostgator coupons

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso all’utilizzo, consulta questa pagina. Cliccando su "CHIUDI" ovvero proseguendo la navigazione sul sito si presta il consenso all’uso di tutti i cookie.