Stampa
Categoria: Musica
Creato Sabato, 01 Novembre 2008

Miserabili, di Marco Paolini e Mercanti di Liquore, recensione di Roberto Zani  (n°107)

Bagana Records / Universal - 2008

Continua il matrimonio tra l’attore Marco Paolini e i Mercanti di Liquore (gruppo monzese che si muove sulle orme di Fabrizio De Andrè). Alla fine del 2006 il connubio cominciò a mettere   in  scena lo spettacolo “Miserabili”, via via perfezionato per strada e alla fine ben sintetizzato in questo album, che evita le cadute di ritmo in cui incorrono a volte i monologhi dell’artista veneto.

La forma del teatro - canzone si presta ad affrontare con efficacia argomenti non facili come, in questo caso, l’economia. I miserabili del titolo sono i cittadini, ridotti in condizione di semischiavitù indotta dal capitalismo sotto varie forme: precarietà del lavoro e dei risparmi, indebitamento causato da un consumismo abnorme, alienazione dei lavoratori... Il risultato è una disastrosa perdita di senso della vita umana, completamente piegata alle esigenze dell’economia.

Paolini attinge ancora una volta ai suoi ricordi e riconduce l’attuale situazione ad alcuni personaggi che, all’inizio degli ’80, cominciarono ad operare una profonda trasformazione della società: Margaret Thatcher, Ronald Reagan, l’ayatollah Khomeini, precursori dei tanti figuri che oggi governano un mondo sull’orlo della bancarotta economica e morale. I Mercanti di Liquore si alternano ai brevi monologhi di Paolini con ballate semplici ed orecchiabili.

Un album leggero per un argomento pesante, divertente senza cadere nella superficialità.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Miserabili, di Marco Paolini e Mercanti di Liquore, recensione di Roberto Zani (n°107) - Cenerentola Info
Joomla theme by hostgator coupons

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso all’utilizzo, consulta questa pagina. Cliccando su "CHIUDI" ovvero proseguendo la navigazione sul sito si presta il consenso all’uso di tutti i cookie.