Cinema

Stampa
Categoria: Cinema
Creato Sabato, 18 Gennaio 2020

House of cardsHouse of Cards, recensione di Luca Baroncini

“House of Cards” è una delle serie che hanno cambiato la televisione. Prima di tutto perché è stata quella che ha imposto Netflix nel mondo (anche se in Italia è visibile solo su Sky a causa di accordi precedenti all’avvento di Netflix nel nostro paese), cambiando così il modo di fruire una serie, non necessariamente una puntata a settimana ma tutte le puntate che si vuole quando si vuole e sul supporto che si vuole (il termine binge-watching, tanto in voga, sta a significare proprio “guardare senza sosta”), ma anche perché ha trasportato registi e stelle del cinema dal grande al piccolo schermo. A partire dal regista David Fincher (“Seven” e “Fight Club” tra i suoi film di culto), fino ai due protagonisti, Kevin Spacey e Robin Wright. 

Leggi tutto: House of Cards, recensione di Luca Baroncini (n°229)

Stampa
Categoria: Cinema
Creato Sabato, 18 Gennaio 2020

UFFICIALE E LA SPIA-conferenza stampaAllen, Polanski, Scorsese: i loro ultimi film sono davvero capolavori? di Luca Baroncini

Pare che per uscire di casa e andare al cinema sia sempre più necessario il superlativo. Per un film carino, magari solido, pure interessante, nessuno si muove più. Va così il mondo, si dirà. Per vendere devi gonfiare, rendere l’esperienza unica e insostituibile. È l’approccio social media in cui per cliccare sul link devi essere sicuro che ne valga la pena.

Leggi tutto: Allen, Polanski, Scorsese: i loro ultimi film sono davvero capolavori? di Luca Baroncini (n°229)

Stampa
Categoria: Cinema
Creato Martedì, 10 Dicembre 2019

locandina Il Mistero di Henri PickIl mistero di Henri Pick, recensione di Luca Baroncini (n°228)

di Rémi Bezançon 

con Fabrice Luchini, Camille Cottin, Alice Isaaz, Bastien Bouillon

Nel cuore della Bretagna c’è un luogo molto particolare, la “Biblioteca dei libri rifiutati”, in cui sonnecchiano tra la polvere i testi che autori in cerca di consacrazione non hanno avuto la fortuna di vedere pubblicati. Proprio lì una ragazza che lavora come editor in una grande casa editrice parigina, quindi sempre alla ricerca di nuovi potenziali talenti, trova un manoscritto da cui viene immediatamente colpita. Si tratta di un racconto che narra la fine di una storia d’amore  in parallelo con l’agonia del drammaturgo russo Aleksandr Sergeevič Puškin.

Leggi tutto: Il mistero di Henri Pick, recensione di Luca Baroncini (n°228)

Stampa
Categoria: Cinema
Creato Martedì, 10 Dicembre 2019

Dal Film Ritratto della giovane in fiammeRitratto della giovane in fiamme,  recensione di Luca Baroncini (n°228)

di Celine Sciamma

con Adèle Haenel, Noémie Merlant, Valeria Golino

Un’isola della Bretagna. Il 1770. Una ragazza promessa sposa a un non meglio definito nobile milanese. Una madre che incarica una pittrice di fare un ritratto alla figlia per dare modo allo sposo di conoscerla. Una pittrice che si finge dama di compagnia, perché di quel ritratto la protagonista del quadro, ostile alle nozze, non deve saperne nulla. E poi una grande casa, vuota. La natura selvaggia. Il vento, forte.

Leggi tutto: Ritratto della giovane in fiamme, recensione di Luca Baroncini (N°228)

Stampa
Categoria: Cinema
Creato Domenica, 10 Novembre 2019

Sorry We Missed YouSorry We Missed You, recensione di Luca Baroncini (n°227)

di Ken Loach 

con Kris Hitchen, Debbie Honeywood, Rhys Stone

Per fortuna c’è Ken Loach che in un cinema di supereroi e di ricchi ricchissimi che vorrebbero esserlo ancora di più ci ricorda che esiste anche una moltitudine silenziosa che vive sul filo e permette all’ingranaggio di funzionare, quasi mai godendone i frutti. Dopo la Palma d’Oro a Cannes del 2016 con “Io, Daniel Blake”, dove il regista inglese si insinuava nel terreno irto di insidie della burocrazia, questa volta il tema, affrontato come sempre di petto, è quello del precariato.

Leggi tutto: Sorry We Missed You, recensione di Luca Baroncini (n°227)

Stampa
Categoria: Cinema
Creato Domenica, 10 Novembre 2019

PARASITE Song Kang HoParasite, recensione di Luca Baroncini (n°227)

di Bong Joon-ho 

con Song Kang-ho, Lee Sun-kyun, Cho Yeo-jeong, Choi Woo-shik 

Ci sono film che arrivano e colpiscono come saette, un pugno in faccia, SDENG!, insomma, lasciano un segno profondo. È il caso di questo Parasite di Bong Joon-ho, non nuovo a costruire mondi in cui portare a esasperazione il conflitto di classe (pensiamo all’altrettanto potente Snowpiercer in cui in una sorta di post apocalisse l’umanità rimasta viaggia suddivisa per classi su un treno che non si ferma mai). Il titolo è molto eloquente perché di parassiti si tratta.

Leggi tutto: Parasite, recensione di Luca Baroncini (n°227)

Stampa
Categoria: Cinema
Creato Mercoledì, 25 Settembre 2019

Locandina del film YesterdayYesterday, recensione di Luca Baroncini (n°226)

di Danny Boyle

con Himesh Patel, Lily James, Ed Sheeran, Kate McKinnon

Yesterday appartiene al genere “come trasformare in film un aneddoto da bar”. L’interrogativo che dà il la alla vicenda è infatti “cosa succederebbe se di colpo il mondo dimenticasse l’esistenza dei Beatles e solo una persona ricordasse le loro celeberrime canzoni?” 

La sceneggiatura giustifica come può la simpatica trovata (il solito sbalzo temporale dovuto a un non meglio dettagliato blackout globale) e si concentra sulle gesta di un cantante della provincia inglese di buona volontà che, con l’aiuto di un’amica manager “segretamente” innamorata di lui, fa di tutto per sfondare ma proprio non ce la fa.

Leggi tutto: Yesterday, recensione di Luca Baroncini (n°226)

Stampa
Categoria: Cinema
Creato Mercoledì, 25 Settembre 2019

Locandina del film Il mio profilo miglioreIl mio profilo migliore, recensione di Luca Baroncini (n°226)

di Safy Nebbou 

con Juliette Binoche, Nicole Garcia, François Civil, Marie-Ange Casta

La vita a volte la si vive, altre la si recita. Al di là dei facili giudizi, e delle frasi slogan, i confini sono spesso sottili. Ce lo conferma l’interessante film di Safy Nebbou tratto dal romanzo “Quella che vi pare” di Camille Laurens, in cui una cinquantenne di grande fascino cede, un po’ per curiosità e un po’ per bisogno, al gioco della seduzione virtuale attraverso l’utilizzo di una chat. 

Il fatto è che si finge ciò che non è, almeno non più, una conturbante ventiquattrenne. Claire diventa quindi Clara. Il suo interlocutore altri non è che l’amico di un ragazzo con cui lei intrattiene una relazione volante, priva di vincoli ma non così appagante, e tra i due si stabilisce un legame via via sempre più complice. 

Leggi tutto: Il mio profilo migliore, recensione di Luca Baroncini (n°226)

Stampa
Categoria: Cinema
Creato Venerdì, 19 Luglio 2019

Big Little Lies - Piccole grandi bugie4 serie TV (3 da vedere + 1), recensione di Luca Baroncini (n°225)

Vi diranno che le serie televisive sono il nuovo cinema e il futuro dell’intrattenimento, che rivoluzioneranno il modo di raccontare storie, che tutti i grandi attori e registi ormai sono indirizzati al piccolo schermo perché più remunerativo e in grado di colonizzare l’immaginario. Tutto vero? Boh! Di oggettivo c’è che le piattaforme di streaming legale sono sempre più diffuse e per una visione casalinga la fruizione a puntate sembra un ottimo modo per agganciare il pubblico e dargli storie, tante, in cui perdersi.

Leggi tutto: 4 serie TV (3 da vedere + 1), recensione di Luca Baroncini (n°225)

Stampa
Categoria: Cinema
Creato Sabato, 01 Giugno 2019

Palazzo con stelle - CannesCannes 2019: voilà le festival, di Luca Baroncini (n°224)

Cosa rappresenta nel panorama cinematografico mondiale il Festival di Cannes? Al di là di tutti i meriti della manifestazione francese legati alla qualità dei film proposti (discreta per le opere in concorso, buona per quelle nelle altre sezioni), è altro ciò che si cela dietro alla “Montée des marches” (la scalinata da cui si accede al Grand Auditorium Louis Lumière), ai riflettori puntati sulle star, alle interviste, alle file per accedere nelle sale, alla folla che per due settimane invade la Croisette. Ciò che il festival celebra è infatti soprattutto se stesso e la propria esclusività. Quello che Cannes grida a gran voce è ancora una volta “Se ci sei, significa che vali!”. Un valore legato alla qualità, alla dedizione, all’impegno, al talento e concesso da chi sente di avere il potere di decidere le sorti del mondo, perlomeno del cinema. 

Leggi tutto: Cannes 2019: voilà le festival, di Luca Baroncini (n°224)

Stampa
Categoria: Cinema
Creato Sabato, 18 Maggio 2019

Locandina della caduta dell'impero americanoSchermi di primavera, recensione di Luca Baroncini (n°223)

I primi tre mesi del 2019 non sono stati incoraggianti per il cinema. Se infatti i film godono di ottima salute, e la fame di storie in cui perdersi è sempre alta, le sale cinematografiche stanno invece vivendo un periodo di crisi: transizione dal grande al piccolo schermo grazie alle sempre più diffuse piattaforme di streaming legale (Netflix, Amazon, Inifinity e a breve anche Disney e Apple)

Pirateria esercitata senza il minimo scrupolo e con poca consapevolezza?

Mancanza di ricambio generazionale per quel cinema medio che è invece linfa vitale per la sopravvivenza dell’esercizio cinematografico? 

Eccesso di sollecitazioni?

Leggi tutto: Schermi di primavera, recensione di Luca Baroncini (n°223)

Stampa
Categoria: Cinema
Creato Lunedì, 01 Aprile 2019

DafneDafne, recensione di Luca Baroncini (n°222)

di Federico Bondi 

con Carolina Raspanti, Antonio Piovanelli, Stefania Casini

Dafne è una trentacinquenne con la sindrome di Down. A inizio film la vediamo passeggiare spensierata in un luogo di vacanza in compagnia di un’altra donna. È sua madre, quello sarà il loro ultimo giorno insieme. Rimasta sola con il padre per Dafne comincerà una lenta elaborazione del lutto che necessiterà del raggiungimento di un nuovo equilibrio. Lui ormai anziano e incapace di reagire, chiuso in un’introversione a stretto confine con la depressione, lei esuberante, vitale ma anche bisognosa di quel calore e quello scambio vicendevole che la figura materna era in grado di assicurare. Non sarà facile per nessuno dei due colmare la distanza che la routine, le abitudini e le divergenze caratteriali hanno nel tempo sedimentato. Sarà di aiuto una lunga passeggiata insieme per arrivare, a piedi, al paesino di montagna in cui la madre è nata ed è stata sepolta e dove ogni tanto andavano tutti insieme. Sarà l’occasione per condividere un po’ di tempo lontano da riti e ritmi del quotidiano che con il suo incessante scorrere non facilita il confronto.

Leggi tutto: Dafne, recensione di Luca Baroncini (n°222)

Stampa
Categoria: Cinema
Creato Lunedì, 01 Aprile 2019

Valeria GolinoI Villeggianti, recensione di Luciano Nicolini (n°222)

di Valeria Bruni Tedeschi

con Valeria Bruni Tedeschi, Pierre Arditi, Valeria Golino, Noémie Lvosky, Yolande Moreau

Il film è composto da tre atti e una conclusione: al termine del primo ero contento perché pensavo di essere arrivato al “giro di boa”; grande è stata la mia delusione quando, al termine del secondo, è comparsa la scritta “atto terzo”. E ancora non sapevo che ad esso sarebbero seguite le (fortunatamente brevi) conclusioni.

Come potete intuire, l’opera non mi è piaciuta.

Non vi racconterò la trama, anche perché, sostanzialmente, non c’è alcuna trama: la protagonista (interpretata dalla regista Valeria Bruni Tedeschi) è stata scaricata dal suo compagno e si reca nella bella villa di famiglia per un periodo di vacanza sul mare.

Leggi tutto: I Villeggianti, recensione di Luciano Nicolini (n°222)

Stampa
Categoria: Cinema
Creato Lunedì, 01 Aprile 2019

Il coraggio della veritàIl coraggio della verità  – The Hate U Give, recensione di Luca Baroncini (n°222)

di George Tillman Jr. 

con Amandla Stenberg, Regina Hall, Common, Sabrina Carpente

Le opere a tesi sono spesso insidiose perché il più delle volte piegano personaggi e situazioni al messaggio che vogliono trasmettere. Il bel film di George Tillman Jr. non fa eccezione, ma quando la tesi è così condivisibile, importante e potente occorre rivedere i propri paletti critici. 

“Il coraggio della verità” prova infatti a fare una cosa rivoluzionaria: parlare a tutti. Per farlo non si limita a scelte accattivanti (la fotogenia degli interpreti, la confezione patinata), quelle sono solo lo strumento, il fine è dare nuove consapevolezze ai personaggi provando a contagiare anche lo spettatore. 

Leggi tutto: l coraggio della verità – The Hate U Give, recensione di Luca Baroncini (n°222)

Cinema - Cenerentola Info
Joomla theme by hostgator coupons

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso all’utilizzo, consulta questa pagina. Cliccando su "CHIUDI" ovvero proseguendo la navigazione sul sito si presta il consenso all’uso di tutti i cookie.