Stampa
Categoria: Zirudella
Creato Domenica, 01 Aprile 2007

Un secolo di aggressioni, di Balanzino (n°90)

Zirudella, il Belpaese

non è nuovo a grandi imprese:

sul finir dell’Ottocento,

con il chiaro intendimento

d’un impresa coloniale,

mandò in Africa Orientale

Baratieri e i suoi soldati

che là furono suonati.

 

Ripetè quella follia

aggredendo la Turchia

e, di lì a poco, persino

l’austrungarico vicino.

 

Non contento, in pompa magna,

mandò truppe pure in Spagna,

in Etiopia, nei Balcani,

infangando gli Italiani.

 

Ma non era ancor finita:

poi, la Francia fu aggredita

e, in violenta progressione,

fu sfidata la nazione

più potente della Terra

dichiarandole la guerra.

 

Era troppo, e finì male.

E così sembrò normale

(fu anche messo per iscritto)

ripudiare ogni conflitto.

 

Sessant’anni son passati

e daccapo siam tornati:

vanno i militi italiani

nei paesi più lontani

a mostrar con la presenza

che l’Italia è una potenza

e sa farsi rispettare

in Europa ed oltremare.

 

I politici arroganti

credon d’essere importanti

e, sognando onore e gloria,

si dimentican la storia:

che è una storia di parole

e di neve sotto al sole,

d’aggressioni immotivate

e di fughe accelerate,

di pagliacci, di doppiezza

e di furti con destrezza,

di soldati allo sbaraglio

morti per un loro sbaglio

che però non si cancella...

tochedai la zirudella!

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Un secolo di aggressioni, di Balanzino (n°90) - Cenerentola Info
Joomla theme by hostgator coupons

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso all’utilizzo, consulta questa pagina. Cliccando su "CHIUDI" ovvero proseguendo la navigazione sul sito si presta il consenso all’uso di tutti i cookie.