Stampa
Categoria: Dibattiti e opinioni
Creato Lunedì, 02 Maggio 2022

paroleNon abbiamo parole! redazionale

Il Senato italiano, con una sola astensione e nessun voto contrario, ha approvato la “giornata della memoria degli Alpini”. 

Questa giornata sarà il 26 gennaio, data che è stata scelta perché il 26 gennaio del 1943, gli Alpini italiani parteciparono “eroicamente” a fianco dell’esercito nazista invasore dell’Unione Sovietica, a una battaglia (a Nikolajewka) contro l’Armata Rossa. 

Gli Alpini, è bene ricordarlo, erano esercito invasore, a fianco di quelli che, fra un’aggressione e l’altra ad altri popoli, avevano come primario obiettivo lo sterminio degli Ebrei.

Non abbiamo parole!

Gli antifascisti, le comunità ebraiche, i pacifisti, quelli che si sbracciano contro l’invasione della Ucraina non hanno proprio niente da dire?

Quanto è accaduto è molto grave, perché non solo ci si propone di promuovere, anche nelle scuole, i valori della difesa della sovranità nazionale (commemorando l’invasione di un altro paese...) ma addirittura i valori della difesa dell’interesse nazionale!

L’articolo 1 comma 1 della legge istitutiva infatti recita:

“1. La Repubblica riconosce il giorno 26 gennaio di ciascun anno quale Giornata nazionale della memoria e del sacrificio degli Alpini, al fine di conservare la memoria dell’eroismo dimostrato dal Corpo d’armata alpino nella battaglia di Nikolajewka durante la seconda guerra mondiale, nonché di promuovere i valori della difesa della sovranità e dell’interesse nazionale nonché dell’etica della partecipazione civile, della solidarietà e del volontariato, che gli alpini incarnano”.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Non abbiamo parole! redazionale (n°253) - Cenerentola Info
Joomla theme by hostgator coupons